Montascale ed elevatori nei luoghi pubblici: come la tecnologia ha contribuito ad abbattere le barriere

Negli ultimi anni la vita sociale dei disabili e degli anziani ha subito un deciso miglioramento, grazie soprattutto all'evolversi della tecnologia che ha contribuito ad abbattere le barriere architettoniche favorendo gli spostamenti e l'integrazione sociale di persone in difficoltà.

L'attenzione mediatica rivolta al tema ha portato molti luoghi pubblici a munirsi di strumenti idonei in grado di favorire l'accessibilità a chi è affetto da limitazioni di tipo motorio.

L'intervento della tecnologia per abbattere le barriere architettoniche

In questi ambito è proprio il caso di affermare che dove non arriva l'uomo arriva la tecnologia. Il bisogno di indipendenza che ciascun essere umano dovrebbe avere garantito, non sempre è soddisfabile a causa di disabilità e di difficoltà fisiche. In molti contesti, inoltre, la presenza delle cosiddette barriere architettoniche non agevola, ma al contrario crea maggiori impedimenti.
Montascale, elevatori ecc. sono stati sviluppi tecnologici che hanno segnato un'importante crocevia per coloro i quali sono affetti da incapacità di deambulazione, portatori di handicap o anziani.
Questi strumenti hanno il compito non solo di superare limiti derivanti da progetti edili e urbanistici antichi e mai aggiornati, ma anche di favorire l'integrazione e l'indipendenza della persona: grazie alla tecnologia chiunque può recarsi al piano rialzato dell'ufficio postale superando quella piccola scalinata che conduce all'accesso, ma lo stesso può valere per l'ingresso di una banca oppure di un albergo.
La presenza di montascale nelle scuole, ad esempio, è un valore aggiunto notevole in quanto agevola l'integrazione sociale del ragazzo disabile portandolo allo stesso piano dei compagni, senza bisogno che venga condotto a braccia. Lo stesso dicasi per un elevatore.
Ascensori e montascale permettono anche il regolare svolgimento del lavoro all'interno di enti pubblici: non solo le leggi vigenti impongono l'assunzione di persone disabili, ma queste devono anche essere poste nelle condizioni per potersi recare fisicamente e in modo indipendente nel loro ufficio, posto magari nei piani alti dell'edificio.
Il superamento degli ostacoli viene oggi realizzato proprio da questi meccanismi che sono dei concentrati di tecnologia, la quale arriva anche a personalizzare lo strumento proprio per agevolare ancor più la persona.
I montascale riescono a percorrere rampe, curvature e pianerottoli semplicemente comandando il movimento con un piccolo joystick oppure con il telecomando apposito, in modo tale che la persona disabile o anziana possa facilmente muoversi tra i piani di un palazzo.
Grazie alla tecnologia che deve comunque accompagnare un cambiamento culturale, si riesce quindi a rendere accessibile a tutti un luogo aperto al pubblico, consentento al portatore di handicap o all'anziano di poter vivere determinante esperienze che non si svolgono necessariamente al piano terra, come la visita di un museo o lo shopping all'interno di centri commerciali.

Montascale e elevatori nei luoghi pubblici

Sono i luoghi pubblici quelli che storicamente e culturalmente limitavano più di altri anziani e disabili: le difficoltà maggiori si palesavano in posti di maggior passaggio, come stazioni, ospedali, uffici postali, uffici amministrativi. Le differenze qui si ampliavano e le limitazioni motorie subivano grande amplificazione. Oggi le barriere si abbattono a iniziare proprio da questi enti e se così non fosse la cassa di risonanza mediatica appare fortissima.
Due impianti che solitamente si trovano sempre presenti con il chiaro obiettivo di azzerare totalmente o quasi le barriere architettoniche presenti, sono i montascale e le piattaforme elevatrici.

  • Montascale: il concetto è semplice, ma la tecnologia è tanta e collaudata, rendendo lo strumento affidabile e sicuro in qualunque contesto di installazione e di funzionamento. Alcuni prevedono la salita direttamente con la carrozzella, altri offrono invece una comoda poltroncina su cui è possibile accomodarsi, legarsi con la cintura di sicurezza e trasferirsi da un piano all'altro seguendo la rampa si scale. Questo sistema permette di salire anche diversi piani, di compiere percorsi non necessariamente diritti e gestire la motricità sui pianerottoli.
  • Elevatori: sono definiti anche piattaforme elevatrici e salgono verticalmente come fossero veri ascensori, ma sono dotati di pedana di accesso per le sedie a rotelle.